domenica, maggio 18, 2008

decadance


- buongiorno.
- a te.
- novità?
- sì ha chiamato bidibì bidibì e ha detto bidibì bidibì bidibì bidibì.
- non ho capito ...
- bidibì bidibì bidibì.
- ah ... richiama?
- bidibì.

Scarmigliata aveva iniziato la settimana come di consueto ma lei consueta non lo era più.

- ciao, sai che bidibì bidibì bidibì ah ah bello no bidibì?
- certo, certo.
- bidibì bidibì bidibì bidibì bidibì bidibì bidibì bidibì bidibì bidibì.
- scusa sì, devo fare una telefonata.
- bidibì pure!

___ pronto? salve cercavo l'avvocato, sì _____ oh bidibì, come sta? _ bene grazie, la chiamavo riguardo alla riunione che si terrà mercoledì _ sì deve bidibì questa cortesia, bidibì bidibì bidibì bidibì _ ah ... capito, va bene _ bidibì_ arrivederla.

Sapeva Scarmigliata che prima o poi avrebbe dovuto far qualcosa per la sua ormai congenita stanchezza, ma cosa? Fare qualcosa per cercare di fare meno è sempre un fare che stanca. Il vicolo sembrava cieco, il gatto si mordeva la coda e la propria capitolazione poteva ragionevolmente essere pensata come prossima.

- scusa, mi bidibì bidibì?
- come?
- bidibì.
- non ho capito
- bidibì.
- non te ne andare! non ho sentito ...

Passava lentamente la giornata come la precedente, scandita dalla riuscita di qualsiasi solitario sul pc in un tempo sempre più breve e in numero di mosse sempre più ridotte, intervallato da ameno lavoro senza capo nè coda. Il silenzio nella testa si faceva più assordante del clamore perpetuo e duraturo esterno.

- buonasera.
- ciaomà.
- studi?
- no bidibì.
- hai mangiato?
- bidibì bidibì.
- ok.

Chiudendosi in cucina per fumare la sigaretta del rientro, osservò tazze e bicchieri nel lavello. Accese la televisione e la spense subito dopo. Aprì il frigorifero e lo richiuse subito dopo. Avendo in mente il cadavere del limone appena avvistato si preparò per lavare le stoviglie.

- ah finalmente una voce amica, non ci crederai ma proprio a te pensavo!
- e non mi chiami?
- ti penso.
- io ti chiamo.
- sono stanca stanca stanca!
- a chi lo dici ...
- come si fa?
- boh
- io sono preoccupata.
- è inutile.
- si va bene, ma ... insomma ... brutti sintomi.
- cioè?
- quando mi parlano io non capisco.
- perchè non c'è niente da capire.
- no no, non sento.
- in che senso?
- cioè sento ... ma ... sento sempre e solo "bidibì bidibì bidibì".
- che significa?
- non lo so ... è un suono.
- bidibì?
- sì bidibì, bidibì.
- mah
- strano no?
- beh, sarà una forma di bidibì bidibì bidibì.
- mi stai prendendo in giro?
- no no, probabilmente bidibì bidibì e quindi, se 2 più bidibì bidibì fa bidibì ... ne hai bidibì a qualcuno?
- eh? dici?
- bidibì bidibì bidibì bidibì bidibì.
- Tu? Tutto bene?
- bidibì bidibì bidibì bidibì bidibì eh eh bidibì bidibì bidibì bidibì ...
- Bene, allora dai poi passa, ci sentiamo, vo a preparare la cena.Ciao.

Dopo una frugale e compulsiva cena di mangiucchiamenti malassortiti, Scarmi si ritrovò a letto pensando che la sua prossima conquista sarebbe stata il silenzio ed insieme la riappropriazione dei suoni differenti delle parole. E pensò anche che un'altra importante conquista sarebbe stata bidibì bidibì bidibì. E poi ancora bidibì e bidibì. E poi ... si addormentò.

22 commenti:

ggrillo ha detto...

Pura dinamite, Tex!

imPrecario ha detto...

Aia è contagioso anche io comincio a sentire solo bidibi bidibi intorno....aiutooooooooooooooooo!!!!
(albellissimo)

ablar ha detto...

x GG: pura come quella di una volta!

x Imprek. peggio del morbillo!

gians ha detto...

nulla di meglio del silenzio, ecco dovevo stare zitto.

da ha detto...

Secondo me...
detto da uno che non capisce nulla...
è un gran pbel pezzo!!!
teatro
teatrale
ricorda ionesco da giovane
il giovane jonesco
trattato in maniera scientifica
perfetto
tanto di cappa e spada.

rip ha detto...

Neanche il sollievo di un Bobidi bu

ablar ha detto...

x Gians
bidibì ssst bidibì

ablar ha detto...

x DA:
detto da te
altro che!
mi gongolo di coppa e spade, e anche di bastoni
ah ci fossero i denari!!!
(grazissime!)

ablar ha detto...

x rip: infatti, neanche una distrazione

bidi bodi bù
lallallallà

mi piaceva quella antica pubblicità ... con i bambini che saltavano sul letto, io lo facevo anche

egine ha detto...

una nuova forma di linguaggio, mi interessa la semantica, il tuo
cellulare piccina?

ablar ha detto...

egine!
inviato con il pensiero ...
arrivato?

egine ha detto...

eccerto che si!!

gians ha detto...

mentre ti scrivo mi squilla il telefono, forse è qualche bidibì, poi ti faccio sapere.

ablar ha detto...

ok, va a rispondere!

Guido ha detto...

bidibì bidibì? La speranza è l'ultima a morire, ma la vedo male. Oltre a sentire bidibì bidibì, comincio anche a vedere bidibì bidibì!

ablar ha detto...

arriverà magari il giorno in cui mangeremo bidibì bidibì alla carbonara ...

gians ha detto...

era un anonimo. :)

ablar ha detto...

che fastidio allora!

imPrecario ha detto...

bidibi bidibi con la moratazza?

ablar ha detto...

e il panino col pane

dAVIDE ha detto...

bidibidi..bau bau

ablar ha detto...

bù!