mercoledì, giugno 06, 2007

affetti da scajola

mi è esploso sto "bubbone" ... proveniente dall'inconscio collettivo italiano compromesso per sempre!

Scajola: Questo governo non è democratico
Un governo che assume decisioni "mai viste prima", che procede a colpi di "interventi abusivi" e che in fin dei conti "non è democratico". E' l'analisi che Claudio Scajola, attuale presidente del Copaco, il comitato parlamentare sui servizi di sicurezza, fa all'indomani della conclusione del caso Visco-Speciale. (tratto da la Stampa)

Genova 2001
"la più grande sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale"
(Amnesty International)



Articolo su "CARTA" di Lorenzo Guadagnucci
A ben vedere, se c'è una persona che può davvero festeggiare il quinto anniversario del G8 di Genova, questa è Claudio Scajola. Nel 2001 era ministro degli Interni e in questa veste finì inevitabilmente nel mirino, visto lo scandalo internazionale suscitato dalle violenze compiute dalle nostre forze dell'ordine, spesso a danno di cittadini stranieri (circa la metà dei maltrattati a Bolzaneto e i tre quarti dei malcapitati alla Diaz). All'epoca se la cavò in qualche modo, grazie alla protezione politica del premier Berlusconi, alla compattezza della maggioranza di centrodestra e a un patto di ferro con i vertici delle forze dell'ordine, anch'essi nei guai per lo scellerato comportamento in piazza e comunque alla ricerca di certezze dopo il cambio di maggioranza del maggio precedente.
Per Scajola la carica di ministro degli Interni era la prima grande prova politica d'alto livello. Le giornate genovesi, se non gli tolsero la poltrona appena guadagnata, stesero comunque un'ombra sinistra sulla sua figura. Qualche mese dopo il povero Scajola combinò oltretutto una frittata: si fece sfuggire un paio di frasi infelici durante conversazioni informali con alcuni giornalisti. La prima di queste affermazioni era gravissima, per il contenuto e per la leggerezza con cui ne riferiva: sostenne di avere dato l'ordine, nella serata di venerdì 20 luglio 2001, e quindi poche ore dopo l'uccisione di Carlo Giuliani, di sparare a chiunque avesse tentato di violare le protezioni che circondavano la "zona rossa" nel centro della città. Un ministro, negli ordinamenti democratici, non ha assolutamente la facoltà di stabilire quando e come sparare e perciò la sua "rivelazione", oltre che gravissima per il contenuto, era anche goffa e del tutto fuori luogo.
La gaffe gli fu però perdonata, probabilmente in nome di quel patto di ferro fra politica e apparati delle forze di sicurezza che ha fra l'altro garantito in questi cinque anni la totale protezione a tutti gli imputati. Scajola cadde poco dopo su un'altra gaffe, riferita a Marco Biagi, ucciso dalle Brigate rosse e definito dal ministro, nel pieno di una polemica sulla mancata concessione della scorta al professore, "un rompicoglioni". Scajola uscì così di scena, in modo del tutto inglorioso. La sua carriera ai vertici dello stato pareva finita. Ci pensò Silvio Berlusconi a dargli un'altra chance, riportandolo al governo verso la fine della legislatura. L'incarico non era di primo piano - le attività produttive - ma almeno il deputato di Imperia tornava nei giri che contano.
Ma il vero capolavoro Claudio Scajola lo ha compiuto dopo la sconfitta elettorale della coalizione di centrodestra alle elezioni del 9 e 10 aprile. E' riuscito a guadagnarsi il ruolo parlamentare più importante fra quelli spettanti per tradizione all'opposizione: la presidenza del Comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti. Una posizione oltretutto strategica in questi tempi di tempeste sul Sisde, di ventilate riforme, di lotta senza quartiere al terrorismo internazionale e di spericolati legami con intelligence di altri paesi. Scajola ha ottenuto la poltrona scavalcando il candidato naturale, ossia il ministro dell'Interno uscente, Beppe Pisanu. E come se non bastasse è stato eletto all'unanimità. Per carità, in questi casi è prassi stipulare un accordo bipartisan preventivo, visto che si tratta di una commissione di garanzia, ma questo non toglie nulla al capolavoro politico di Scajola e del suo partito: il centrosinistra non ha avuto nulla da obiettare sul ministro del G8 e tutti i parlamentari della commissione hanno votato con ferrea disciplina, senza nemmeno un commento, un distinguo, una riserva.
Scajola dunque può festeggiare il quinto anniversario del suo G8 con la ritrovata verginità politica. E deve avere accolto con legittima soddisfazione, forse anche con euforia, le dichiarazioni del suo passato rivale Luciano Violante: la commissione parlamentare d'inchiesta sui fatti di Genova - ha detto il deputato Ds, presidente della commissione affari costituzionali della Camera - non serve, c'è già stato nel 2001 un comitato d'indagine. E' la stessa cosa sempre sostenuta dall'ex ministro Scajola, che sta trionfando su tutta la linea. Complimenti sinceri.

10 commenti:

Giovanni ha detto...

Che fai guardi indymedia? Sei una blekblocche? :)

alba ha detto...

ci ho i bubboni che mi fermentano nello stomaco!!!

sono una "blackendècher"... mi avvito fra me e me!

Giovanni ha detto...

:))))))))))))))

freesud ha detto...

...è la pura verità cara Alba...quel giorno la democrazia andò in vacanza a Genova... ci vuole una bella facciona tosta a fare certe dichiarazioni...un bacio

imprecario ha detto...

Altro che bubbone! Ti è uscita fuori la peste! che brutti ricordi al solo suono del nome Scajola

alba ha detto...

magari fosse un ricordo ...
presenzia altrochè ... che presenzia!

cuncun ha detto...

aggiornai al tuo gesso si Pariggi..

alba ha detto...

Grazie Racoon!
grazissimo

egli c'entra eccome!

GdS ha detto...

e l'omino stasera era in tv a discettare di democrazia. come non concordare parolaper parola su quanto dici...

alba ha detto...

essì ... l'ho visto l'omino
non poteva mancare

e ci sarà ancora e avrà sorprese da proporre il burattino

ci sono i ballotaggi in liguria ...